Occhiali da Vista SmartBuy Collection Archer M04 TT100 i32uo6

SKU97771973
Occhiali da Vista SmartBuy Collection Archer M04 TT-100 i32uo6
Occhiali da Vista SmartBuy Collection Archer M04 TT-100
Numero da rete fissa 800 986 787 , Numero da rete mobile 06 899 700 61
Spedizione gratuita per tutti gli ordini online
Ogni ordine successivo in data odierna avrá le spese di spedizione gratuite.
Il tuo carrello

Il carrello è vuoto

Ricerca Accedi Account Lista dei desideri Carrello 0
Menu

Login - Registrazione

Tekapp
Servizi informatici
Sei qui:
Lascia un commento cybersecurity , hardware , Intel , microprocessori , sicurezza informatica Per Tekapp

L’anno nuovo porta con sé una nuova crisi del mondo informatico.

Le tre grandi aziende produttrici di microprocessori, a malincuore, rivelano l’esistenza di una falla all’interno dei loro prodotti.

Questa vulnerabilità permetterebbe agli hacker di infiltrarsi nei loro prodotti (che ricordiamo sono indispensabili per tutti i computer) e prenderne il controllo, sottraendo dati, password ecc.

Un problema cha ha scosso il mondo informatico alla radice.

Nel dettaglio, le minacce rilevate riconducibili alla vulnerabilità sono due:

Meltdown , che interessa i processori Intel e riguarda pc e server

Meltdown

Spectre , che interessa Arm, Intel e Amd e può colpire pc, server e dispositivi mobili

Spectre

Intel, come possiamo notare, è l’unica colpita da entrambi.

L’azienda ha immediatamente rilasciato uno statement per rassicurare i suoi utenti, sottolineando come queste threats non possono corrompere i dati, né tantomeno sottrarli.

Non quello che affermano tutti gli altri insomma.

La questione spinosa che tutti stanno notando è come, a novembre dell’anno appena passato, il CEO di Intel Brian Krzanich ha venduto tutte le sue quote Intel per la “modica” cifra di 24 milioni di dollari. Una mossa che a posteriori appare quantomeno sospetta.

Già a conoscenza della falla, il CEO infatti sembra aver preso la comoda via d’uscita prima della disfatta aziendale.

Intel nega la correlazione tra gli eventi, che forse non è neanche la cosa su cui focalizzarsi in questo momento.

L’avvertimento è arrivato dai ricercatori di Google Project Zero, che non hanno perso tempo ad informare sia le aziende produttrici dei chip, sia i grandi sviluppatori di sistemi operativi (Microsoft, Apple, Linux).

La notizia non doveva essere rilasciata al pubblico così presto, ma un’indiscrezione l’ha resa nota ai giornali.

Questa prematura indiscrezione, che manca comunque di alcuni dettagli, rivela che il bug consiste in un mancato controllo di sicurezza da parte del processore nell’esecuzione del codice, che quindi può essere modificato ed eseguire istruzioni prima che queste vengano effettivamente richieste.

Per risolvere il bug sarà necessario introdurre un livello di sicurezza in più che inevitabilmente provocherà un rallentamento dei processori, cosa che non va giù ai tanti utenti.

Dyson 360 Eye

Leggi anche

Occhiali da vista eleganti grigi per unisex Eyekepper Global Inc jkL50DfdX7
4h
Sonos Beam, la recensione della soundbar intelligente
La rivoluzione dei materiali intelligenti passa anche per la stampa 3D
Smartphone 9h
Lg prepara lo smartphone con cinque fotocamere

Per farlo, si serve di una telecamera live con cui crea un’immagine panoramica dell’ambiente circostante che usa poi come base per definire di volta in volta lo schema di pulizia. La telecamera cattura 30 immagini al secondo, adattando così il ciclo allo stato della stanza e individuando in tempo reale oggetti o animali domestici che interferiscono con il percorso. Se si vuole attivare in remoto il 360 Eye™ oppure accenderlo prima di uscire di casa, è bene assicurarsi che gli interni siano sempre illuminati per permettere alla telecamera di guidare l’aspirapolvere, come suggerisce il manuale d’istruzioni.

crea un’immagine panoramica dell’ambiente circostante assicurarsi che gli interni siano sempre illuminati

Tra i punti di forza del robot targato Dyson c’è un sistema di filtrazione avanzata che garantisce una pulizia profonda dell’aria, catturando gli allergeni e purificando l’ambiente . Anche i cingoli di cui è dotato, che gli consentono di mantenere velocità e direzione costanti anche su superfici differenti e in presenza di dislivelli, sono una caratteristica per cui questo aspirapolvere spicca nella categoria. Grazie all’app per Android e iOS Dyson Link , lo si può attivare, mettere in pausa, ricaricare, programmare, controllare o spegnere in remoto.

purificando l’ambiente

Inoltre le due modalità di potenza Max e Silenzioso sono impostabili soltanto attraverso l’applicazione. La prima attiva l’aspirazione massima, perfetta per ambienti molto impolverati e per esigenze di pulizia profonda (con un’autonomia fino a 40 minuti); la seconda, invece, è la modalità adatta a chi lo usa mentre è in casa perché consiste in un livello di aspirazione normale che riduce la rumorosità del 35% rispetto alla potenza max (con un’autonomia fino a 75 minuti). Le performance del Dyson 360 Eye sono di alto livello perché il motore usa la stessa tecnologia degli aspirapolvere di dimensioni standard , a differenza di tanti altri vacuum robot.

due modalità di potenza Max e Silenzioso la stessa tecnologia degli aspirapolvere di dimensioni standard

Questo robot è perfetto per chi cerca le performance migliori: potenza maggiore, tecnologia più avanzata e design più curato. Ottimo per chi ha case con dislivelli e pavimentazioni delicate (parquet, marmo etc.) Prezzo: 999 euro.

Make a Privacy request

Site by Occhiale da vista Derek Lam modello DL278 colore black brown Donna 50 19 uDVJHzw